INTERVISTA / PALUDE UNDERGROUND – Graffiti – Amir Issaa aka Cina TRV

Prima del rap ho iniziato con i graffiti insieme alla crew “The Riot Vandals”. Sono stato intervistato dai ragazzi di “Palude underground” a cui ho raccontato la mia esperienza.

Come è nata la tua passione per i graffiti e come hai iniziato?

Quando ero ragazzino negli anni novanta ho iniziato ad appassionarmi ai graffiti, perché era la cosa più tangibile e visibile, li trovavi in strada indipendentemente che tu facessi parte o meno del mondo hip hop o dei graffiti. Le prime cose che ho visto erano le tag, mi incuriosivano, ricordo che vedevo queste tag quando uscivo da scuola facendo il tragitto per tornare a casa. La prima che ho visto è stata quasi sicuramente quella di Ioice (che in seguito è diventato Napal).

Roma è sempre stata piena di scritte a prescindere dal writing, in strada trovavi spesso scritte politiche o riguardanti il calcio, i tag dei writer però erano quelle che catturavano la mia attenzione non solo per lo stile, ma, anche perché la stessa firma la trovavi in luoghi e contesti diversi. A dodici anni ho iniziato a replicare sul mio quaderno ciò che vedevo in strada ispirandomi a Ioice, Clown, Crash Kid e EMC (in seguito è diventato Stand).Poi un giorno vidi in tv Beat Street (film cult del 1984) in cui c’erano scene di writing dove dipingevano treni. Il giorno dopo andai a comprare delle bombolette dal ferramenta, credo sia stato il 91′, presi gli spray e come prima cosa andai a scrivere sui muri esterni del mercato di Torpignattara, il quartiere dove sono cresciuto.

Clicca qui per leggere l’intervista

Continue Reading

A QUESTION OF STYLE – Graffiti writing tra teoria e pratica / 22-23 Aprile a Roma

I graffiti hanno profondamente influenzato la mia vita e tutto ciò che faccio oggi è il frutto di quelle esperienze: anche nelle mie canzoni e nei libri emerge spesso una traccia di quel vissuto. Proprio per questo sono fiero di essere stato invitato a “A question of style – Graffiti writing tra teoria e pratica”, una conferenza internazionale che si terrà il 22 e 23 Aprile alla Sapienza Università di Roma nata da un’idea di Egidio Emiliano e Ilaria Hoppe in collaborazione con Kunst Medien e MLAC – Museo Laboratorio di Arte Contemporanea. Per la prima volta a Roma accademici, ricercatori e writer si incontreranno per confrontarsi sul tema dello stile.

Continue Reading

GRAFFITI NER KORE / PREFAZIONE DI AMIR ISSAA – (Wholetrainpress)

Felice di annunciarvi che ho scritto la prefazione del libro Graffiti Ner Kore, realizzato dalla crew GNK e edito da Whole Train Press. Da oggi potrete leggere in anteprima un capitolo sul sito di The Hasib Posse.

Raccontare una decade di graffiti della Capitale e farlo con una narrativa leggibile non solo dagli addetti ai lavori, è questo il grande merito di Graffiti Ner Kore. Stili sempre diversi per ogni storia, corredata da un’illustrazione realizzata per essere un’opera unica con i racconti, questa la formula che rompe completamente gli schemi. Il registro linguistico crudo, usato per la stesura del progetto, è stato scelto per far arrivare al lettore la visceralità con cui i membri della crew hanno vissuto alcuni momenti della loro vita e per discostarsi da ciò che potrebbe richiamare forzatamente il concetto canonico del bello o l’autocelebrazione. Un libro impreziosito dalla prefazione di Amir Issaa aka Cina TRV, interamente realizzato da artigiani a Roma per una cura dei particolari di stampa, in tiratura limitata di 250 copie. Per ogni illustrazione presente nel libro è stata realizzata una stampa in tiratura super limitata, firmata dall’autore, distribuita in abbinamento con tutte le copie.

Per acquistare il libro clicca qui

Continue Reading