GUERRA TRA POVERI / Adesso su Spotify la title track del nuovo film di Kassim Yassin

Quando Kassim Yassin mi ha fatto leggere la sceneggiatura del film “Guerra tra poveri” mi ci sono subito rispecchiato e le parole della canzone sono uscite dalla mia penna in modo naturale, come se fossero un flusso di coscienza. Sono cresciuto in una famiglia povera e essere figlio di un immigrato, chiuso in un carcere, di certo non mi ha aiutato, e so bene cosa vuol dire sentirsi esclusi e giudicati dalla società, per questo mi complimento con la produzione Ulalà Film & Co. e con Rai Cinema per aver creduto in questo progetto che ha un forte valore a livello sociale.

Ci sarò anche io al festival Alice nella città, insieme a Delgado, che ha realizzato la base, e faccio i miei auguri a tutto il team che ha lavorato alla realizzazione di quest’opera. Un saluto a Franco Eco che si è occupato delle musiche, a Gianni Pallotto per il suono, e a Francesco Rodrigo Sirabella Sinigallia, Alessandro Sardelli e Andrea Autullo per aver interpretato i personaggi con grande credibilità.

(Grfx cover: Snip Graphics)

Clicca qui per ascoltare la canzone

Continue Reading

Nuova intervista / L’ OSSERVATORE ROMANO

Nuova intervista su L’Osservatore Romano a cura di Alicia Lopes Araujo in cui abbiamo parlato del mio impegno come educatore nelle carceri. Tra le tante esperienze gli ho raccontato la più recente, che è il progetto “Ti leggo” in cui mi ha coinvolto Fondazione Treccani Cultura.

«Nell’intervista al nostro giornale va dritto al sodo, definendosi «un rapper, una persona che usa le parole per esprimersi, uno scrittore». In lui memoria del passato, consapevolezza del presente e aspirazioni future s’intrecciano in cerca di un equilibrio, ricercato sin da piccolo, anche tra più mondi, che diventa armonia in versi e in musica. A soli tre anni, finito in carcere il padre, rimase solo con la madre, mentre nella sua vita in bilico il rap diventava l’àncora di salvezza: «da bambino i problemi familiari mi avevano portato a chiudermi. Non era facile accettare che mio padre fosse detenuto». Poi è arrivato il rap. «Ho capito da subito che poteva essere un mezzo per esprimermi e da lì ho iniziato a scrivere, a sprigionare le emozioni». Con la catarsi il rap di Amir si è fatto poesia e la parola poetica un’esperienza culturale condivisa».

Clicca qui per leggere l’intervista

Continue Reading

Collaborazione con TRECCANI CULTURA per il progetto “Ti Leggo” / IPM Airola

Ormai sono più di dieci anni che parlo dell’efficacia di quella che chiamo Educazione rap tanto da averci scritto sopra un libro, perciò non posso che essere onorato del fatto che una così importante istituzione come Fondazione Treccani Cultura abbia scelto di coinvolgermi nel progetto “Ti Leggo. Le frontiere della lettura negli istituti penitenziari minorili” con il preciso obiettivo di usare il rap come strumento di rieducazione.

I giovani detenuti del carcere di Airola, infatti, hanno letto i miei libri “Vivo per questo” ed “Educazione rap”, hanno ascoltato la mia discografia e si sono cimentati a loro volta nella scrittura di testi. Giovedì 22 settembre li incontrerò per lavorare insieme su quanto hanno prodotto. Mettere in pratica quello che racconto da anni, offrire occasioni di riscatto a chi è in carcere – un luogo che, come sapete, mi appartiene in modo particolare – e contribuire ad abbattere stereotipi e pregiudizi su più livelli restano le maggiori soddisfazioni del mio lavoro.

Ringrazio Loredana Lucchetti e Massimo Bray per avermi coinvolto e saluto tutto lo staff di Treccani che ha collaborato a questo progetto.

Clicca qui per informazoni.

Continue Reading

AMIR ISSAA A FESTIVALETTERATURA / Ven. 9 Settembre – Mantova

Festivaletteratura è tra gli eventi più importanti a livello culturale in Italia e quest’anno ci sarò anche io insieme a Lucio Villani e Chiara Trevisan.

«Le storie anche molto recenti del nostro Paese possono essere veicolate in tantissimi modi e forme, soprattutto se si rivolgono ai giovani. Così è possibile che a raccontare l’attualità o dolorosi capitoli della storia italiana siano la musica, le immagini e le filastrocche. Come dimostrano Amir Issaa, autore di Vivo per questo e Educazione rap, e Lucio Villani, con il suo Venti anni dopo – Una ballata del G8. E così, da una parte, attraverso il rap si raccontano storie di immigrazione, a cui dà voce un artista italiano figlio di genitore straniero, che vive in un’Italia in cui è ancora difficile uscire dagli stereotipi. Dall’altra, è la filastrocca che si fa mediatrice di un racconto duro, quello del G8 di Genova, che ha segnato un’intera generazione di giovani che lottavano per il futuro. Tra parole e musica i due autori dialogano guidati da Chiara Trevisan, la lettrice vis à vis».

Venerdì 9 Settembre – ore 18:00 @ Museo Diocesano – (Mantova).

Continue Reading

AMIR ISSAA / EDUCAZIONE RAP – Scrivere ascoltando il suono delle parole

Spesso mi chiedono come funziona il mio format di edutainment e cosa accade durante le lezioni. Consigli pratici di scrittura, cenni di storia dell’hip hop, dibattiti sui concetti di identità e discriminazione: tutto questo, e tanto altro, è Educazione Rap. Questo lavoro è il frutto di una carriera ventennale, e dopo tanti anni di esperienza vissuta all’interno della scena, oggi voglio trasmettere tutta la conoscenza di questo genere musicale che mi ha aiutato a raccontare chi sono.

Per informazioni scrivi a: flavio @propapromoz.com

(Tnx: Arci Liguria)


Continue Reading

AMIR ISSAA A TORINO Mercoledì 1 Giugno / Ore 17:00 @ Fondazione Amendola

Torino è una città che ultimamente sto frequentando molto e Mercoledì 1 giugno alle ore 17 parleremo di Educazione rap alla Fondazione Giorgio Amendola. Sarà un’occasione dedicata al libro, ai temi dell’immigrazione e alla musica.

«L’evento coinvolgerà i giovani del quartiere Barriera di Milano su tematiche di attualità usando la musica come veicolo di racconto; Amir Issaa è un rapper e writer e i suoi testi raccontano l’attualità, il razzismo e le seconde generazioni. Ha collaborato con diverse organizzazioni (UNAR, Save the Children, Comunità di S.Egidio e molte altre) e ha ideato laboratori di musica e rime nelle scuole in Italia e all’estero. L’idea di portare sulle scene “Educazione Rap” nasce per volontà della Fondazione Amendola dal progetto “Barriera da scoprire” iniziativa finanziata tramite il contributo della Camera di commercio di Torino. “Barriera da scoprire”, si prefigge di creare incontri a cadenza settimanale con attività di lettura ad alta voce e performance musicali coinvolgendo i Bar del quartiere. L’obiettivo è quello di riunire attraverso la voce con al centro del discorso il libro tutto questo per dare vita a una grande iniziativa collettiva, con l’ambizione di trasformarla, a poco a poco, in una diffusa e virtuosa abitudine. Un progetto che mira anche nel costruire una solida partnership con i commercianti del quartiere, in particolare con Bar e librerie, cercando di coinvolgerli in attività culturali e innovative. In un territorio difficile come Barriera di Milano il progetto permetterà di migliorare l’immagine del quartiere tra i residenti, di rafforzare il tessuto associativo e commerciale e di superare stereotipi che contribuiscono a tenere lontane le persone dalla zona.In collaborazione con gli Original Artisti un collettivo artistico di Torino, la giornata continuerà con una jam session con alcuni rapper torinesi che si sfideranno a ritmo di freestyle».

INFO: https://fondazioneamendola.it/educazione-rap-di-amir-issaa/

Continue Reading

EDUCAZIONE RAP A FIRENZE / 11 Maggio @ Museo della preistoria

Da tanto tempo Matias Mesquita cerca di portarmi nella sua città e finalmente ce l’abbiamo fatta. Mercoledì 11 maggio alle 15:30 saremo al Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria “Paolo Graziosi” per una presentazione del mio libro Educazione rap e invito tutti gli appassionati di rap e cultura hip hop a partecipare all’incontro. L’appello è rivolto anche a docenti, genitori o a chi vuole conoscere gli aspetti educativi e didattici di questa musica.

Continue Reading

INTERNATIONAL JOURNALISM FESTIVAL / 8 APRILE – Perugia

Sono felice di annunciare la mia partecipazione all’ International Journalism Festival Venerdì 8 Aprile a Perugia. Sarò in compagnia di Djarah Kan e Sabika Shah Povia per raccontare il nostro punto di vista sull’Italia di oggi in una conversazione con la giornalista Francesca Caferri. Ringrazio tutto lo staff del festival e Francesca, per avermi coinvolto in un evento così importante in cui potrò valorizzare al meglio il mio percorso artistico e professionale.

Clicca qui per maggiori informazioni.

Continue Reading

“EDUCAZIONE RAP” A BOLOGNA / 24 MARZO (18:30) – N WORD – Istituto Parri

Bologna è una città speciale che ha sempre alimentato lo sviluppo di sottoculture come l’hip hop e in questo senso il suo valore storico è innegabile. Qui sono nati gruppi fondamentali come i “Sangue Misto”, ed è qui che ho iniziato a muovere i primi passi nella scena frequentando già in età adolescenziale centri sociali leggendari come il “Livello 57”. Erano gli anni in cui con lo zaino in spalla prendevo il treno dalla stazione Termini per partecipare alle jam con i miei amici del “Rome Zoo”, e posso dire con orgoglio di avere vissuto sulla mia pelle un momento magico e irripetibile. Per questo sono davvero contento di essere stato invitato il 24 Marzo proprio a Bologna all’interno della rassegna “N – Word” nel prestigioso Istituto Parri per presentare il mio libro Educazione rap e parlare anche di quei tempi, di com’era allora e di cosa è cambiato oggi, a livello musicale e nel mio modo di usare il rap come strumento. Sarò affiancato dal bravissimo Carlo Babando docente e autore di “Blackness” per discutere insieme del potenziale a livello educativo di questa musica. Ringrazio Roberto Lanzarini per la collaborazione. Sarà possibile acquistare il libro e ci sarà a seguire un firmacopie.

Per partecipare è necessario prenotarsi contattando la Segreteria del Parri (0513397220), oppure Roberto Lanzarini (3333705582) o scrivendo un email a: roberto.lanzarini@istitutoparri.it

Continue Reading