MOOKIE INTERVISTA AMIR ISSAA – (Da Flaminio alle università americane)

Nuova intervista appena uscita per “Mookie news letter”, un bel progetto di Fabio Germani che si occupa di Stati Uniti e musica rap. Abbiamo parlato di tanti argomenti tra cui il mio rapporto con la scena italiana, il legame con Torpignattara, che è il quartiere dove vivo e in cui sono cresciuto, il libro Educazione rap in uscita a Maggio con add editore, e gli ho raccontato cosa faccio quando lavoro nelle università americane.

Per leggere l’intervista clicca qui.

Continue Reading

GEORGE FLOYD FREESTYLE #Icantbreathe

Sono giorni che osservo in silenzio quello che sta succedendo negli Stati Uniti a causa dell’omicidio di George Floyd, e come altre volte il rap mi ha aiutato a trovare le parole giuste per esprimere quello che penso.

“Non respiro mamma vieni a salvarmi, mi hanno ucciso a mani nude senza armi, sono solo uno dei tanti caduti, chiudo gli occhi mamma e tanti saluti, la mia pelle non è spessa abbastanza, non respiro la tua voce mi calma, steso a terra non mi posso più alzare, su di me tutto il peso del male, il potere ti azzera, il silenzio difende l’odio di un collega, e la vita si spreca, è l’invidia che striscia il fallimento ti acceca, prendi e fai la tua scelta, rosso sangue la razza è la stessa, resto un uomo come te come tutti, anche quando non respiro come Floyd, come Cucchi.”

“I don’t breathe mom come to save me, they killed me with bare hands without weapons, i’m just one of the many fallen, i close my eyes and many greetings, my skin is not thick enough, i don’t breathe your voice calms me, lying on the ground i can no longer get up, all the weight of evil on me, power wipes you out, silence defends the hatred of a collegue, and life is wasted, it is envy that creeps failure, blinds you, take and do your choice, blood red, the race is the same, i remain a man like you like everyone, even when i don’t breathe like Floyd, like Cucchi”

(Translation: Lisa Munson)

Continue Reading