AMIR ISSAA @ MELBOURNE / 12 APRILE – How Afroitalians are changing Italian music

Domani sarò virtualmente in Australia per parlare del mio lavoro all’interno di questo evento organizzato da Co.As.It Melbourne e ringrazio Margherita Angelucci per il coinvolgimento. Discuteremo del cambiamento che sta avvenendo in Italia a livello culturale grazie al contributo degli artisti di Seconda generazione e per farlo ho selezionato alcuni articoli e i testi delle mie canzoni più significative che ci aiuteranno a capire come spesso ci si può sentire “Stranieri nella propria nazione”.

Diretta zoom – ore 10:30/12:00 (Italia) – 18:30/20:00 (Australia)

Per informazioni contatta: paolo@coasit.com.au

Continue Reading

NON RESPIRO / Amir Issaa, Davide Shorty, David Blank

Non respiro è la canzone che ho realizzato insieme a Davide Shorty David Blank ispirata dalla morte di George Floyd. Abbiamo avuto l’occasione di cantarla dal vivo durante un live di Shorty a Largo Venue (Roma) e da oggi potete vedere il video realizzato da Matteo Marchi e Rebel production. Sono fiero di questo brano e ne ho parlato anche nel libro Educazione rap per far capire il potere educativo e di riscatto che può avere la musica. Ringrazio tutti gli artisti che hanno partecipato.

Continue Reading

AMIR ISSAA / LECTURE A SETON HALL UNIVERSITY – (Mercoledì 17 Marzo)

Mentre in Italia ancora si discute di cittadinanza ai figli di immigrati, ci sono tanti ragazzi e ragazze nati qui da genitori stranieri che nonostante le discriminazioni e i pregiudizi contribuiscono alla crescita culturale di questo paese, e ne portano un esempio positivo anche all’estero. Mercoledì 17 Marzo incontrerò online gli studenti di Seton Hall University nel New Jersey per una lezione in cui la mia musica e il libro “vivo per questo” saranno gli strumenti didattici. Questa è solo una delle tappe di un percorso iniziato da tanto tempo, che ha come obiettivo quello di portare nei college e università degli Stati Uniti un esempio di Italia contemporanea fuori dagli stereotipi. Ringrazio la professoressa Gabriella Romani per avermi coinvolto.

Continue Reading