Gli scrivo la fine – Uomo di prestigio

4.GLI SCRIVO LA FINE (3’25”) (P. Preston – A. Issaa)

Vorresti avere la mia voce e il mio stile la mia forza e la mia voja de vive
meccanismi che non posso capire e se loro si fanno i film
vorresti avere il mio rispetto e la mia fama la saggezza che mi ha donato la strada
non si regala piu’ niente qui si paga e la mia indifferenza sara’ il killer che ti spara.

Arrivo con la faccia da arabo sono il terrorista con un mic nella destra e uno spliff nella sinistra
Amir Issaa rap integralista sparlano di me e un secondo dopo stanno in fissa
calo tranquillo e non posso piu’ starci se gente del cazzo qui continua a cercarmi cammino di notte
vi penso vi ho in testa a stento respiro cercando la festa poi quando la trovo mi trovo a disagio
mi muovo protetto qui si rischia il contagio fagiani sul serio voi mai miei fratelli
e non siamo gli stessi anche se portate i baggy io non vi capisco quando sto sopra il palco
vedo pezzi di legno con degli occhi di ghiaccio sono cosi’ io c’ho l’animo buono ma divento una bestia se toccate il mio trono.

Vorresti avere la mia voce e il mio stile la mia forza e la mia voja de vive
meccanismi che non posso capire e se loro si fanno i film io gli scrivo la fine
vorresti avere il mio rispetto e la mia fama la saggezza che mi ha donato la strada
non si regala piu’ niente qui si paga e la mia indifferenza sara’ il killer che ti spara.

Senza un lavoro io vivo precario schiavo del denaro hip hop mercenario
vendo la mia musica al migliore offerente e’ quello che vorresti fa pure te ma non te regge
sto nella merda e non c’ho niente da perde e de quello che pensi de me non me ne frega niente
sto con le armi cariche mo se poi riparate se sei armato pure te click prendi e sparate
erre a pi per fare fuori ogni em si che prova a bloccamme e poi vado fuori da qui
sono l’ultima frontiera io l’ultimo modello l’ultima scoperta che ti fa alzare il livello
contano meno delle rime che cancello quando ci riscrivo sopra col nero d’inferno
e’ la mia vita vista da me dall’esterno il segreto per farlo e’ nascosto dentro al mio quaderno.

Vorresti avere la mia voce e il mio stile la mia forza e la mia voja de vive
meccanismi che non posso capire e se loro si fanno i film io gli scrivo la fine
vorresti avere il mio rispetto e la mia fama la saggezza che mi ha donato la strada
non si regala piu’ niente qui si paga e la mia indifferenza sara’ il killer che ti spara.

È una bomba che esplode sono rime al tritolo dieci anni di crew ora sul palco da solo
non temo il confronto io non ti assecondo se vuoi in un secondo divento uno stronzo
il classico hip hop te l’ho dato del resto il codice puoi trovarlo dentro vivo per questo
guardo oltre le mura oltre la tua paura saro’ il ponte tra la mia fonte e la tua radura
calmo come un rasta spesso qua non basta quando poi ti accusano la tua pazienza casca
prendi decisioni rimorsi e delusioni se porti supporti e riporti contusioni
non posso fidarmi neanche piu’ della mia penna scrive quello che vuole anche se la mia testa e’ spenta
sono giorni in cui non basta più stare a guardare e non serve gridare la rivoluzione e’ mentale.

Vorresti avere la mia voce e il mio stile la mia forza e la mia voja de vive
meccanismi che non posso capire e se loro si fanno i film io gli scrivo la fine
vorresti avere il mio rispetto e la mia fama la saggezza che mi ha donato la strada
non si regala piu’ niente qui si paga e la mia indifferenza sarà il killer che ti spara.