GRAFFITI NER KORE / PREFAZIONE DI AMIR ISSAA – (Wholetrainpress)

Felice di annunciarvi che ho scritto la prefazione del libro Graffiti Ner Kore, realizzato dalla crew GNK e edito da Whole Train Press. Da oggi potrete leggere in anteprima un capitolo sul sito di The Hasib Posse.

Raccontare una decade di graffiti della Capitale e farlo con una narrativa leggibile non solo dagli addetti ai lavori, è questo il grande merito di Graffiti Ner Kore. Stili sempre diversi per ogni storia, corredata da un’illustrazione realizzata per essere un’opera unica con i racconti, questa la formula che rompe completamente gli schemi. Il registro linguistico crudo, usato per la stesura del progetto, è stato scelto per far arrivare al lettore la visceralità con cui i membri della crew hanno vissuto alcuni momenti della loro vita e per discostarsi da ciò che potrebbe richiamare forzatamente il concetto canonico del bello o l’autocelebrazione. Un libro impreziosito dalla prefazione di Amir Issaa aka Cina TRV, interamente realizzato da artigiani a Roma per una cura dei particolari di stampa, in tiratura limitata di 250 copie. Per ogni illustrazione presente nel libro è stata realizzata una stampa in tiratura super limitata, firmata dall’autore, distribuita in abbinamento con tutte le copie.

Per acquistare il libro clicca qui

Continue Reading

UN RAPPER ITALO / EGIZIANO A NEW YORK – (Esquire)

Durante il tour che ho fatto a New York a Marzo del 2019 ho incontrato Clara Ramazzotti, una giornalista Italiana che vive nella grande mela e collabora con la rivista Esquire, e mentre ero a CUNY – (City university of New York) abbiamo fatto una chiacchierata sulla mia carriera e su questo nuovo percorso nelle università degli Stati Uniti.

Pioniere della cultura hip hop in Italia, ora entra nelle scuole per parlarne: anche oltreoceano, come ci racconta in questa intervista“.

Per leggere l’intervista clicca qui

Continue Reading

DA ROMA A NEW YORK: AMIR ISSAA E’ IL RAPPER CHE CANTA L’ITALIA MULTICULTURALE – (La voce di New York)

La giornalista Liliana Rosano, che scrive su La voce di New York, mi ha fatto una lunga intervista. Ci siamo sentiti mentre ero già arrivato negli states per il Vivo per questo – NYC tour. A pochi giorni dalla mia tappa a NYU, ospitato da Casa Zerilli Marimò, una fondazione che si occupa di promuovere la cultura Italiana nella grande mela. E’ la prima volta in cui un magazine Italiano che esce solamente negli Stati Uniti si è interessato alla mia storia di Italiano di seconda generazione.

Impegnato nel sociale con progetti educativi e musicali rivolti alle scuole per combattere stereotipi e pregiudizi, Amir Issaa nel suo libro ci consegna una storia vera, senza filtri, intensa. E mentre si prepara a suonare a New York, sull’Italia di oggi dice: “Chi vuole vederla vada nelle scuole”. 

Per leggere l’intervista Clicca qui

Continue Reading

AMIR ISSAA, ITALIAN HIP HOP ARTIST, RAPS ABOUT CITIZENSHIP LAW – (The Guardian)

The Guardian, uno dei giornali Inglesi più importanti al mondo, si è interessato alla mia storia di rapper Italiano di seconda generazione. La giornalista Lizzy Davies è venuta a Roma e ci siamo incontrati per una chiacchierata da cui è nato questo articolo. Il focus principale della sua ricerca è il mio impegno per il riconoscimento dello Ius Soli, ed è un piacere vedere che alcune canzoni che ho scritto su questa tematica sono arrivate fuori dai confini Italiani.

Amir Issaa, a 34-year-old Italian hip-hop artist, has never conformed to stereotype. He has written about his Egyptian father going to jail and about the fraught nature of Italy’s integration process. Now he has come up with a rap song that explores the notion of citizenship and the relative merits of jus sanguinis and jus soli“.

Per leggere l’articolo clicca qui

Continue Reading