“Vivo per Questo – U.S. Tour” – Amir Issaa parte per un tour negli Stati uniti

Sono felice di annunciare che sarò in tour negli Stati Uniti, per oltre 20 giorni di eventi e concerti incentrati sul libro – uscito nel 2017 ed edito da ChiareLettere – “Vivo per questo”.

“Amir sarà protagonista di “incontri” con gli studenti e i docenti di alcuni tra i più prestigiosi college americani: dall’unica scuola al femminile (Mount Holyoke, dove ha studiato tra le altre, la più grande poetessa americana, Emily Dickinson) a luoghi storici come l’università di Georgetown a Washington DC.  Passando poi per Ohio State e per un evento chiave come quello del 23 Febbraio: una conversazione e concerto nella prestigiosa università privata New York University (dove hanno studiato Oliver Stone, Martin Scorsese, George Soros, Lady Gaga e Philip Seymour Hoffman e si sono laureati oltre 30 futuri Premi Nobel) fino ad arrivare alla costa Ovest, a San Diego State University, University of San Diego e alla Chapman University.

“Amir, oltre ad essere un musicista che ha collaborato con tutti i colleghi noti della scena è probabilmente uno dei massimi esperti della cultura hip hop in Italia e ha, dalla sua, una storia interessantissima che è stata raccontata nel suo libro. Amir Issaa ha sempre parlato con coraggio – nei suoi testi impegnati, ricchi di tematiche tristemente all’avanguardia nell’Italia del terzo millennio – di alcuni argomenti attuali e scottanti come razzismo, pregiudizio, stereotipo, Ius Soli, metropoli e nuovi linguaggi”. 

“Ha creato un workshop divenuto vero e proprio side project attivandosi con decine di associazioni e realtà istituzionali come Save The Children, Unar, LaFeltrinelli, sul tema delle Seconde Generazioni”.

“Con i workshop e gli incontri didattici dove miscela musica, narrativa e diritti sociali, Amir sta girando il mondo, dal Giappone agli Stati Uniti e questo tour 2018 nelle università americane è una nuova tappa del percorso tra storytelling e musica iniziato da Amir negli ultimi tempi”.

 

Continue Reading

“Vivo per Questo” il primo romanzo di Amir Issaa edito da Chiarelettere

Sono fiero di essere riuscito a lasciare questa testimonianza, che rimarrà nel tempo, e non vedo l’ora che possiate leggerlo anche voi. Raccontando la mia storia ho dato voce a quella di tanti altri. Dopo aver scritto centinaia di canzoni, pubblicare un libro non è un punto di arrivo, ma un nuovo inizio. Ringrazio la Casa editrice “Chiarelettere” per l’opportunità.

“Scena prima: Roma. Notte fonda. Un bambino dorme vicino a sua sorella maggiore quando arrivano la polizia e l’ufficiale giudiziario per lo sfratto esecutivo. Lei si chiama Fatima, lui Amir. “Ho dieci anni, stringo il mio fagotto di vestiti e mi vergogno. In strada, di notte. E adesso?”
“Vivo per questo” è un viaggio trascinante in una Babele metropolitana di colori, culture, suoni e voci. È la storia di un bambino e di una famiglia sempre in bilico sull’orlo della legalità. Una storia che parte veloce su una tavola da skate, correndo sui marciapiedi di Tor Pignattara inseguita da negozianti inferociti, con Roberto detto Kyashan e Napoleone, amici inseparabili. Una storia che segue le movenze irresistibili della breakdance con Crash Kid, amico e mito scomparso troppo presto. Una storia che attraversa le scorribande del writing, anima nera della street art: la ricerca di un codice, le crew di quartiere, i tag per riconoscersi e sentire di esistere. Una storia che si carica con l’energia della hip house per poi scivolare nel rap, l’isola del tesoro, il collettivo Rome Zoo e piazzale Flaminio, la casa da abitare, il ritmo da cui farsi travolgere.
In una escalation di incontri, esperienze ed emozioni, Amir Issaa ha scritto un libro che non è l’autobiografia rituale di un artista ma è soprattutto un ritratto generazionale. Un romanzo hip hop di iniziazione alla vita con decine di personaggi e una controcultura travolgente: una terra promessa che ha liberato tante adolescenze difficili dalle vertigini del caos.”

Continue Reading

Amir Issaa, Straniero nel mio paese, Viaggio in Egitto con Nemo Rai 2

Il programma della Rai “Nemo – nessuno escluso “ mi ha coinvolto nel team dei suoi reporter, e sono andato in Egitto per  raccontare la storia di Mamdouh e la sua famiglia. Come tutti sanno mio papà era di Alessandria, ma io sono cresciuto in Italia con mia mamma e ci ero stato solamente una volta da piccolo. Tornarci da adulto per questa esperienza è stato emozionante.

“Sono l’ex Ministro degli Esteri Emma Bonino, lo scrittore Erri De Luca e l’attrice Rosita Celentano gli ospiti della nuova puntata di “Nemo – Nessuno Escluso”, il programma di Rai2 in onda mercoledì 19 ottobre in prima serata alle 21.10. In apertura della trasmissione il servizio di di Ane Irazabal e Cosimo Caridi direttamente da Calais, in Francia, dove si trova uno dei campi profughi più grandi d’Europa, per raccontare le storie e le paure di chi cerca a tutti i costi di raggiungere la Gran Bretagna. A seguire, il servizio “Noi ragazzine rom” di Carmen Vogani: il racconto  senza filtri né mediazioni di due ragazzine che vivono nel campo rom di Salone, alla periferia di Roma; viene poi il servizio “Io, straniero al mio Paese” sulla storia del rapper Amir Issaa, nato in Italia da padre egiziano, che per la prima volta visita il paese d’origine del padre alla scoperta delle proprie origini.

Guarda la puntata (è necessario iscriversi al sito Raiplay)

Continue Reading

Amir, l’Italo Egiziano – “Rap per Immigrati” – Corriere della sera (2006)

Era il 2006 e uscì il primo articolo a livello Nazionale, sul Corriere della sera, che parlava del mio album “Uomo di Prestigio” come il primo disco in Italia in cui si affrontavano discorsi sull’integrazione.

Rimasi sorpreso dal titolo ma erano anni in cui intorno al discorso Seconde Generazioni c’era ancora molta confusione, e ad oggi nonostante sia passato molto tempo la situazione non è ancora migliorata.

bty
Continue Reading